Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicit� Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Intel metterà a rischio la sicurezza dell'iPhone?
Scritto da Lorenzo Motti il 03-11-2008 ore 11:23
Intel WebSeminar
Sotto il nome in codice Moorestown si cela la piattaforma di seconda generazione di Intel - susseguente a Centrino Atom - dedicata ai dispositivi ultraportatili.

Pur non essendoci stata nessuna dichiarazione ufficiale da parte di Apple, Intel si dice fiduciosa sull'adozione di Moorestown come base per l'iPhone; ipotesi che fa sorgere però qualche preoccupazione, come quelle nutrite da Dino Dai Zovi, ricercatore indipendente nel campo della sicurezza informatica.

Durante la conferenza Hack in The Box, Dai Zovi ha espresso la sua perplessità per l'adozione di una piattaforma x86 al posto della precedente architettura Arm: al contrario di quest'ultima, infatti, la piattafoma Intel è molto nota agli hacker, e quindi metterebbe assai a rischio il nuovo telefono multimediale di Apple.

E' emblematico il fatto che Dai Zovi sia famoso per aver vinto un hacking contest nel 2007, nel quale sfatò il mito dell'assenza di falle nella sicurezza che affliggono i sistemi Windows-based nei Macintosh, sfruttandole proprio per attaccare con successo un laptop MacBook Pro.

Nonostante Intel abbia reagito con un no comment alle osservazioni di Dai Zovi i dubbi rimangono, vista anche la crescente diffusione di iPhone, che sta rendendo Mac OS X una preda sempre più appetibile per gli hacker. Tra l'altro, quella implementata sul telefono di ultima generazione è una versione "snellita" del sistema operativo della Mela, alla quale mancano dunque le caratteristiche di sicurezza presenti nella versione desktop.

Staremo a vedere se queste considerazioni mineranno l'adozione della nuova piattaforma da parte della casa di Cupertino, o se "ogni discorso su Moorestown in questo momento risulta puramente ipotetico", come sostiene Intel.
Precedente: Il kernel Linux supera i 10 milioni di righe di codice
Successiva: Ubuntu sta diventando più lento?
Copyright Programmazione.it™ 1999-2016. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.191 secondi.