Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Portofino, un framework open source per lo sviluppo di applicazioni (1/4)
Scritto da Ciro Fiorillo il 28-09-2009 ore 12:20
Intel Parallel Studio XE 2015 Cluster Edition
Portofino è un framework in Java per lo sviluppo di applicazioni web model-driven. Su questo sito abbiamo già parlato di ManyDesigns, l'azienda che lo ha ideato, in occasione dell'intervista a uno dei suoi fondatori; in questa mini serie di articoli presenteremo questo framework, esaminandone anche alcuni aspetti implementativi.

Per iniziare occorre scaricare l'ultima release di Portofino dalla sezione download del sito di ManyDesigns; attualmente siamo alla 2.0.16, il che ci fa subito comprendere che ci si trova di fronte a un progetto già uscito dalle fasi beta o simili: Portofino è attualmente utilizzato da diverse realtà, sia della pubblica amministrazione che private, fra le quali occorre citare il Comitato Olimpico Nazionale Italiano e Datasiel s.p.a, la società informatica in-house della Regione Liguria.

Questo aspetto, spesso trascurato quando si è alla ricerca di progetti open source per uso personale, va a mio parere attentamente valutato quando si tratta di scegliere un framework o una piattaforma sui quali baseremo le nostre attività di sviluppo o professionali. Parlando di utilizzo professionale, è bene chiarire subito l'aspetto delle licenze: Portofino è rilasciato con licenza GNU General Public License con FLOSS Exception, quindi può essere utilizzato anche con le applicazioni FOSS (Free/Libre and Open Source) con una licenza incompatibile con la GPL.

Tale licenza è utilizzabile nella distribuzione di software open source, oppure nel caso si utilizzi il framework per lo sviluppo di software a uso interno. Per chi fosse invece interessato a non rilasciare il proprio lavoro con una licenza open source, è disponibile anche una licenza commerciale con diversi livelli di assistenza previsti; per le licenze GPL l'assistenza è fornita dai forum, o a pagamento mediante sottoscrizione singola.

Per il download sono disponibili due differenti forme di distribuzione: la prima comprende, oltre alla versione binaria ed i sorgenti, anche il file WAR per il deploy in un Java application server e i template per creare l'ambiente necessario nei differenti database supportati. La seconda forma di distribuzione, chiamata one-click-start, contiene la sola versione binaria, ed è l'ideale per chi vuole provare Portofino per la prima volta, in quanto richiede solo la presenza di un ambiente Java JRE o JDK per funzionare; entrambe le versioni, ovviamente, offrono le stesse funzionalità. Per la nostra prova abbiamo utilizzato la versione completa, ricorrendo a Microsoft SQL Server come database e ad Apache Tomcat come Java application server.

L'installazione è abbastanza agevole, soprattutto se si ha un minimo di dimestichezza con il deploy di una Java web application; per chi fosse alle prime armi è sicuramente consigliabile l'utilizzo del pacchetto one-click-start; per tutti è disponibile una esaustiva guida all'installazione, nella ricca documentazione presente sul sito.

Prima di iniziare ad analizzare il framework “dal di dentro”, possiamo dare un'occhiata a una applicazione demo messa a disposizione da ManyDesigns, accessibile con credenziali demo/demo; tale applicazione implementa un sistema di gestione dei ticket, argomento ben noto agli sviluppatori, ed è un ottimo punto di partenza per capire quale possa essere il risultato dei nostri sforzi.

È utile anche riepilogare i requisiti di sistema per l'installazione di Portofino: è necessaria una macchina con almeno 512 MB di RAM e 800 MB di spazio su disco; il sistema operativo può essere scelto fra Windows, Solaris, Linux e Mac OS X; fondamentali, vista la natura dell'applicazione, sono ovviamente la presenza di un JDK/JRE Standard o Enterprise di versione uguale o superiore alla 1.5 e di un application server a scelta fra Tomcat 5.5.x o 6.x, JBoss 4.2.x, GlassFish, Oracle OC4J/Oracle AS, Sun Java System Application Server 9.1.

Sul fronte database, Portofino supporta sia i più blasonati marchi commerciali, quali Oracle dalla versione 9i, SQL Server dalla versione 2005, IBM DB2 9 e successivi, sia i più diffusi ambienti open, quali PostgreSQL 8.1, MySQL 5.1 e Derby 10, quest'ultimo in modalità embedded, non utilizzabile in ambienti di produzione. Ovviamente sono supportati i browser più utilizzati, quale unico requisito per i client.
Precedente: Alcuni framework per lo sviluppo iPhone (1/2)
Successiva: Formiche digitali per la protezione delle reti
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.209 secondi.