Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicit� Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Un personale resoconto sul phpDay 2010
Scritto da Filippo Fadda il 20-05-2010 ore 10:40
Dal 13 al 15 maggio si tenuta in terra abruzzese, nella cornice della riviera adriatica, l'edizione 2010 del phpDay, conferenza dedicata esclusivamente al linguaggio PHP, organizzata dal GrUSP (Gruppo Utenti e Sviluppatori PHP).

La scelta della location, almeno dal punto di vista logistico, si per la verit rivelata un po' infelice. Il centro congressi dove ha avuto sede la conferenza infatti sito a Corropoli, in provincia di Teramo, poco distante da Alba Adriatica. La struttura, certamente adeguata dal punto di vista funzionale, per difficilmente raggiungibile. L'areoporto pi vicino quello di Pescara e il treno costringe chi arriva da Milano ad almeno un cambio. Tra Ancona e la stazione di Alba Adriatica disponibile soltanto un treno regionale, che fa tutte le fermate.

Con ogni probabilit l'anno prossimo gli organizzatori opteranno per una grande citt come Milano o Roma, o comunque una provincia ben servita. Raggiungibilit a parte, lo stabile scelto per la conferenza, sito in mezzo alla campagna, un edificio moderno su due piani, ben attrezzato, con ampi spazi e tre sale, una pi grande e due pi piccole. Prima di passare all'esamina dei talk, vorrei spendere due parole proprio sull'organizzazione.

Devo dire che sono rimasto favorevolmente impressionato dal lavoro svolto dai ragazzi del GrUSP: sono riusciti ad allestire una conferenza di tre giorni ad un prezzo assolutamente popolare. Nei 140 del biglietto erano infatti compresi: l'iscrizione come socio ordinario al GrUSP, del valore di 10 , facoltativa e con maglietta del gruppo in omaggio; l'accesso a tutti i talk; tre pranzi a buffet, la possibilit di gustare sviziosi dolcetti durante le pause caff, le bevande, ecc. Considerando anche la presenza di speaker internazionali, credo fosse davvero impossibile fare di pi.

Ottimo il buffet, con le immancabili olive ascolane, dadini con formaggio fuso, insalata di riso, ratatouille, panini con affettati, penne all'amatriciana, diverse variet di frittate, torte e via discorrendo. Mi fermo qui perch devo ancora cenare e mi sta venendo l'acquolina in bocca.

Come gi detto l'evento durato tre giorni, ma al primo non ho partecipato, poich nessuno degli argomenti trattati ha suscitato il mio interesse. Pertanto riporto qui le impressioni in relazione ai soli talk che ho seguito in prima persona, quasi tutti in lingua inglese. In realt avrei voluto seguire anche altri talk, ma la contemporaneit degli stessi me lo ha impedito.

Dir subito che gli speech pi interessanti a cui ho assistito sono stati quelli di Dustin Whittle, in particolare il primo: "YQL & PHP". YQL l'acronimo di Yahoo! Query Language, una sorta di SQL che permette di effettuare vere e proprie query su Web Service di vari provider: da Facebook ad Amazon, passando per tutti i servizi stessi di Yahoo! e quelli di molti altri protagonisti del Web. Sempre Dustin ha illustrato, nel suo "Building a platform from open source at Yahoo!", le tecnologie e l'architettura di Yahoo!.

Tra i relatori internazionali figurava anche Fabien Potencier, ma il suo intervento su "Dependency Injection in PHP" non ho potuto seguirlo, poich contemporaneo a quello di Dustin. Comunque di symfony si parlato molto durante la conferenza, per esempio in "Form refactoring" a cura di Manuel Baldassarri di ideato. Molto divertente il keynote di Alberto Brandolini, un'ironica riflessione sul fare la cosa giusta.

Piuttosto introduttivo e talvolta scontato il talk di Dario Ghilardi "Sulla security di applicazioni web" e ancor peggiore quello di un Dominik Jungowski, relatore tedesco, per la verit piuttosto nervoso, che ha parlato di database staging, chiudendo tra l'altro il suo intervento con mezzora di anticipo. Estremamente concreto mi invece parso Felix de Vliegher, sviluppatore belga, che ha raccontato Gearman con dovizia di particolari. Davvero interessante il suo talk.

Ho seguito poi i due interventi in scaletta, uno dietro l'altro, su CouchDB. Bravo lo speaker nostrano, Gabriele Lana, che ha mostrato le differenze tra MondoDB e CouchDB, aiutandosi con semplici esempi, peraltro supportati dal reale utilizzo sul campo. Gabriele stato divertente, ma nello stesso tempo pragmatico. Migliore a mio avviso il suo approccio rispetto a quello del collega Kore Nordmann, padre di Arbit, che mi parso un po' pi confusionario. Forse Nordmann ha messo troppa carne al fuoco.

Avrei sinceramente voluto seguire qualche altro talk, ma per ragioni logistiche mi sono dovuto ritirare prima che Scott Chacon cominciasse a parlare di Git. La contemporaneit degli interventi mi ha anche impedito di seguire "Performance opimization for MySQL databases" a cura di Piotr Bel e Maciej Dobrzanski. Malgrado i mirabolanti sforzi degli organizzatori di riprendere ogni singolo talk, credo non sar possibile assistervi in un secondo tempo, per via della scarsa qualit dei video prodotti.

Chiudo con qualche curiosit. Alla conferenza hanno partecipato a occhio e croce una settantina di persone, un numero inferiore a quello dello scorso anno. Credo che la causa primaria sia stata l'ubicazione del centro congressi, troppo difficile da raggiungere, soprattutto considerando che la maggior parte dei programmatori lavora a Milano e Roma. Nonostante questo, tra i partecipanti si creato un clima estremamente amichevole, agevolato dai tempi "morti" dei coffee break, dalle cene e dalle chiacchiere in albergo. Molti, moltissimi i Mac, direi un 70% dei portatili, poi qualche netbook con Windows e qualche altro laptop con Ubuntu Linux.

Oltre alla t-shirt in omaggio, per l'occasione sono state preparate delle polo, vendute non ricordo a che prezzo. Simpatici elefantini come quello in foto e una sua riproduzione gigante erano disponibili per l'acquisto a 10 e 50 Euro rispettivamente. Numerose le foto dell'evento disponibili su Flickr.

4616061164_951f313285.jpg

Non posso che parlar bene del phpDay 2010, secondo me una manifestazione pienamente riuscita, naturalmente passibile di miglioramenti, ma comunque assolutamente matura. Un evento annuale al quale un programmatore PHP non dovrebbe mancare, poich ricco di spunti interessanti; un momento di dialogo e confronto tra persone pi o meno preparate, ben disposte a condividere le proprie esperienze.
Precedente: Diaspora, un modello di finanziamento per il software libero
Successiva: Ricercatore italiano vince il premio Microsoft Research
Intervento di Domenico D'agostinop a.k.a. domenico_d del 20-05-2010 ore 18:53, Vergato (BO)
Plebeo
Plebeo
(1 intervento)
Iscritto il 20-05-2010
Ciao.
Ho partecipato solo sabato al PHP Day, era la prima volta che partecipavo.
Sono un principiante del linguaggio, e quindi in religioso silenzio ho ascoltato i relatori.
Devo dire che non mi aspettavo una qualita' cosi' alta.
Sia i contenuti che i relatori sono stati chiari, completi, stimolanti.
Alla mia veneranda eta' ho partecipato a parecchi incontri ma devo dire che questo mi ha riportato indietro di parecchio all'eta dell'entusiamo e delle ore piccole inseguendo il byte.

Grazie al PHP Day, una piccola grande risorsa in questo paese.
Cerchero' di partecipare anche al prossimo magari con qualche conoscenza in piu'.

p.s. per quanto riguarda la sede credo che Bologna (e non lo dico solo perche abito in zona :-) potrebbe essere un'ottima location

CIAO!
Intervento di Francesco Agati a.k.a. francescoagati del 21-05-2010 ore 20:00, Milano (MI)
Plebeo
Plebeo
(12 interventi)
Iscritto il 21-05-2010
Speriamo che php 5.3 venga installato presto nei provider italiani pi grossi per colmare il gap che oramai ha con linguaggi di programmazione come ruby e javascript
Copyright Programmazione.it™ 1999-2017. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.172 secondi.