Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Koen Zwikstra presenta Silverlight Spy
Scritto da Luca Domenichini il 19-05-2011 ore 11:02
The Parallel Universe
Dai Paesi Bassi, patria di grandi artisti, arriva uno strumento molto interessante per chi sviluppa applicazioni in Silverlight: si chiama Silverlight Spy, oramai è giunto alla quarta release, e svolge sostanzialmente il ruolo di runtime inspector, specificamente per la piattaforma Silverlight.

Utilizzando Silverlight Spy (basta caricarlo e puntarlo a una pagina web con un frame Silverlight), è possibile entrare nel cuore delle applicazioni, siano esse in-browser, out-of-browser, oppure Windows Phone 7. In modo semplice e immediato è possibile esplorare l'albero degli elementi della UI, estrarre il codice XAML, monitorare gli eventi, eseguire codice DLR interattivamente, generare statistiche. Una prima presentazione delle funzioni della versione 2.0 (aprile 2009), analoghe a quelle offerte da Fiddler o Firebug, è disponibile in un video pubblicato su Channel 9, mentre un'intervista audio a Koen Zwikstra, creatore del prodotto, molto più recente, è presente nel talk show .NET Rocks!

5735897249_4b4bda4048_z.jpg

Silverlight Spy 4, che richiede l'installazione preventiva di almeno .NET Framework 4 Client profile e Silverlight 4 GDR 1 (4.0.50826.0), supporta tutte le versioni di Windows da XP in avanti; si può scaricare la versione di valutazione (con durata di tre settimane), che ha una dimensione di 7,32 MB. Dopodiché il software offre due differenti edizioni: una gratuita, con funzionalità limitate per uso personale, e una completa, per uso commerciale con tutte le funzioni avanzate (out-of-browser, WP7, event e performance monitor, ricerca, esportazione, DLR shell, ecc.).

Numerosi programmatori vantano già i pregi di questo prezioso strumento, grazie al quale dicono di aver risparmiato numerose ore di lavoro. Tra le caratteristiche più apprezzate, quella di visualizzare le interazioni con l'utente (pressione di un pulsante, hovering) direttamente nell'albero elementi (sempre visibile in una finestra); oppure quella di modificare le proprietà di un elemento e visualizzarne la versione aggiornata sull'interfaccia; il tutto rigorosamente durante il runtime.

Come anticipato, il suo creatore è Koen Zwikstra, fondatore della società First Floor Software di Den Haag (L'Aia), con alle spalle una lunga esperienza nel mondo .NET e Most Valuable Professional (MVP) nella tecnologia Silverlight.
Precedente: La garbage collection in tre diverse JVM (2/2)
Successiva: Mobile Web Application Development, le raccomandazioni del W3C
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.202 secondi.