Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Opa, un linguaggio alternativo di sviluppo per il Web
Scritto da Antonino Salvatore Cutrì il 09-09-2011 ore 09:50
Parallel Studio XE
Creare soluzioni web, anche le più semplici, al giorno d'oggi implica l'utilizzo e la conoscenza di vari linguaggi e tecnologie: JavaScript per il codice client, PHP/Java, o .NET per la parte server, Apache o Tomcat per rendere disponibile l'applicazione, ecc.

Opa cerca di risolvere tutto questo fornendo un unico linguaggio di programmazione per fare ogni cosa, dalla descrizione dell'interfaccia utente, alla scrittura della business logic fino all'accesso al database.

Non è necessario un plug-in apposito per eseguire le applicazioni Opa (come succede se si usano altre tecnologie come Flash o Silverlight, ad esempio): infatti, è l'ambiente stesso che trasformerà automaticamente le porzioni del sorgente, che devono essere eseguite all'interno del browser in normale codice JavaScript.

Ma non è finita qui: il progetto è in realtà una soluzione chiavi in mano; difatti, a differenza di altre scelte tecnologiche dove è necessario installare e manutenere componenti separati come web server, database server, application server, ecc., in Opa tutti questi elementi sono integrati all'interno della piattaforma semplificando così enormemente anche le operazioni di deploy e manutenzione.

Tutto questo si traduce in applicazioni incredibilmente compatte, ad esempio sono sufficienti appena 27 linee di codice per creare una completa chat web funzionante. Ovviamente questa semplicità ha un prezzo: la curva di apprendimento. Sarà infatti necessario imparare non solo un nuovo linguaggio di programmazione, che poco ha a che vedere con quelli a cui gli sviluppatori web sono abituati, ma anche prendere familiarità con il "modo" in cui Opa effettua accessi al database, gestisce la comunicazione o mostra i dati. In sostanza poco o niente delle skill acquisite dai normali sviluppatori di applicazioni web potrà essere impiegato in questo caso.

Opa è rilasciato con GNU Affero General Public License e il codice sorgente è ospitato su GitHub, quindi tecnicamente chiunque potrebbe contribuire al progetto, se non fosse che a complicare ulteriormente le cose c'è il fatto che l'engine in sé è scritto in un linguaggio di programmazione decisamente poco conosciuto: l'OCaml. Quindi in sostanza chi vuole contribuire al progetto dovrà imparare non uno, ma ben due nuovi linguaggi, e questo sicuramente non aiuterà a creare nel breve periodo una forte comunità di sviluppatori che ne alimenti la crescita.
Precedente: La leggibilità nei linguaggi di programmazione
Successiva: Linee guida per la progettazione di test case: testing di software object-oriented (2/5)
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.263 secondi.