Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Due guide visuali al controllo di versione
Scritto da Andrea Chiarelli il 23-12-2011 ore 04:25
The Parallel Universe
Sia che si tratti di documenti che di file sorgente di un progetto software, adottare un meccanismo adeguato per la sincronizzazione delle modifiche e per il controllo di versione è un passo essenziale per progetti non banali.

Utilizzare cartelle condivise e rinonimare file e cartelle prima di modificarle è una pratica molto rischiosa, che non mette al riparo da modifiche concorrenti. Quello che ci vuole in questi casi è un sistema di controllo delle versioni o VCS.

Al di là dello specifico sistema adottato, il primo impatto con questi strumenti mette a disagio l'utente inesperto, sia perché è costretto a cambiare il proprio modo di lavorare, sia perché si trova di fronte a una serie di concetti non facili da digerire alla prima esperienza.

Per avvicinare l'utente ai concetti che stanno dietro ai sistemi di controllo delle versioni può essere utile un tutorial, che offra una prima introduzione ad alto livello in maniera chiara e concisa.

Questo è l'obiettivo di due sintetiche guide di Kalid Azad, il quale prova a spiegare i concetti chiave dei sistemi di controllo di versione centralizzati e distribuiti con un approccio visuale. Oltre a presentare i concetti fondamentali e a definire un glossario dei termini utilizzati un quest'ambito, le guide offrono una serie di schemi grafici, che illustrano in modo intuitivo scenari di utilizzo.

Nella prima guida vengono illustrati i concetti di check-in, check-out, branching, tagging e gestione dei conflitti tipici dei sistemi di controllo di versione centralizzati come CVS, SVN o Microsoft Visual SourceSafe.

La seconda guida introduce l'approccio distribuito, tipico ad esempio di Git o Mercurial, evidenziando le differenze con quello centralizzato e analizzando vantaggi e svantaggi. In particolare vengono messi in risalto il concetto di merge delle modifiche e il modello push/pull per l'organizzazione di un progetto distribuito.

Entrambe le guide sono solo dei punti di partenza per avvicinarsi ai sistemi di versionamento in generale. Per l'approfondimento di strumenti specifici esse forniscono diversi riferimenti a risorse online e offline, compreso un video di una lezione di Linus Torvalds sui sistemi distribuiti.
Precedente: LinkedIn continua col rilascio di tecnologie di ricerca open source
Successiva: Google introduce nuovo markup per i contenuti multilingua
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.197 secondi.